Trionfo di Marquez a Brno: strategia o fortuna?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

E’ già il secondo anno che Brno si gioca il titolo di gara più pazza dell’anno, non soltanto per aver chiamato in causa la regola del “flag to flag” con conseguente cambio moto, ma per il gioco delle strategie a cui evidentemente la MotoGp non è abituata. In queste condizioni, in cui la pista va asciugando, il pilota che riesce a fare sempre la differenza è Marc Marquez, questa volta di certo anche con un pizzico di malizia che nello sport non guasta mai.

Aver fatto sfilare tutti i pretendenti al titolo, per poi rientrare prestissimo ai box per cambiare moto, quando gli avversari non erano nemmeno ancora pronti per farlo, potrebbe essere stata la strategia vincente dello spagnolo, che è sicuramente un campione di furbizia. Dietrologie a parte, la velocità di Marquez in condizioni miste come quelle palesatesi sulla pista ceca a pochissime tornate dallo spegnimento dei semafori, è indubbia e l’aver impresso un ritmo forsennato già dal giro di uscita con le gomme da asciutto, gli ha concesso di andare a vincere in una cavalcata trionfale in solitaria, come non era praticamente mai avvenuto in questo 2017 di grande equilibrio.

Apres la musica, a svariate manciate di secondi, Daniel Pedrosa che come il suo compagno di squadra ha anticipato il cambio moto rispetto ai vari Vinales, Crutchlow e Petrucci e ha potuto girare in solitaria senza troppi problemi. Dietro di lui, la lotta per il podio è stata serratissima fino a qualche giro dalla fine quando Vinales, superato Crutchlow è risucito a scappare lasciando a Rossi e Dovizioso, che pur essendosi fermati un giro dopo, erano praticamente arrivati, l’incombenza di effettuare tutti i sorpassi possibili, relegandoli fuori dal podio.

La classifica che ci consegna la gara ceca, è meno corta di quella che aveva partorito l’ultima gara tedesca, proprio prima della pausa estiva, con un Marquez che prova a scappare via con 14 punti su Vinales. Tra una settimana si tornerà già in pista, in Austria, dove la Ducati parte da favorita assoluta, ma nel 2017 nulla è scontato.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×
Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi, riminese e studente in Ingegneria dell'Autoveicolo presso il Politecnico di Torino. Sono un grande appassionato di motori, seguo la MotoGP da anni e adoro scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *