Marquez ritrova la Pole, poi Abraham e Crutchlow

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Q1 di lusso per la quantità di top rider impegnati in questa fase di qualifica che in genere compete ad altri piloti. Le difficoltà dei big nelle libere hanno gravato come un macigno sul turno più importante, quello che decide lo schieramento di partenza. Come se non bastasse un tempo a dir poco indecifrabile si è palesato sopra il circuito di Termas de Rio Hondo, bagnando, ma non troppo, il tracciato.

Nelle difficili condizioni in cui versava la pista argentina, a svettare sono ancora una volta i soliti noti che inanellano uno dietro l’altro giri veloci e si giocano fino all’ultimo, in una manciata di millesimi, l’accesso in Q2 per le posizioni che contano. Dovizioso, reo di un ottimo crono ha vanificato tutto credendo di essersi già aggiudicato la “seconda manche”. A soffiargli il posto uno strepitoso Daniel Pedrosa che all’ultimo giro a disposizione beffa anche Rossi, che nel frattempo però si era portato davanti a tutti, accendendo così in ogni caso alla Q2. Spronfonda letteralmente Jorge Lorenzo, sedicesimo, che partirà ben tre posizioni dietro al compagno di squadra che dalcanto suo era però in lotta per una posizione di rilievo.

Con un asfalto via via sempre più asciutto, in condizioni davvero al limite fra per piloti e sopratutto gomme da bagnato, Marquez fa letteralmente un altro mestiere issandosi davanti a tutti e firmando la prima vera pole dell’anno. A ben sette decimi troviamo uno strepitoso Karel Abraham che sigla un tempo di tutto rispetto che gli consente di scattare dalla prima fila a fianco della Honda ufficiale del campione del mondo e a quella del team satellite di Lucio Cecchinello con in sella un altrettanto ottimo Crutchlow.

Quarto Danilo Petrucci, che non si fa sfuggire l’occasione di spremere la sua Ducati su delle condizioni a lui storicamente congeniali, davanti a Pedrosa e ad un ridimensionato Vinales, che sul bagnato paga evidentemente ancora la scarsa esperienza con la sua nuova moto. Subito dietro Rossi, che nonostante i problemi evidenti di assetto, riesce a portarsi a ridosso del compagno assolutamente più in palla di lui e che magari in gara potrà essere un traino importante per risalire. Alle sue spalle l’Aprilia di Espargaro che conferma i passi in avanti della moto di Noale, costantemente nella top ten. Solo dodicesimo Andrea Iannone, preceduto da Baz, Bautista e Folger, tutti e tre protagonisti di una prestazione notevole.

Le condizioni previste per la gara sono opposte a quelle viste oggi, il pericolo di pioggia dovrebbe essere scongiurato, mettendo di fatto Vinales, che ad oggi sembra avere un passo nettamente superiore a tutti gli altri, in condizioni di replicare l’ottima gara del Qatar. L’unico che sembrerebbe avere i mezzi per contenerlo è Marquez che sicuramente sfrutterà il fatto di partire davanti a tutti. Sono ancora una volta chiamati ad una rimonta Rossi e le Ducati che quest’oggi sono davvero mancate.

 

CLASSIFICA

POS. NUM. PILOTA NAZIONE TEAM MOTO KM/H DATA E ORA DISTANZA 1PREV./ST
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 314.0 1’47.512
2 17 Karel ABRAHAM CZE Pull&Bear Aspar Team Ducati 303.6 1’48.275 0.763 / 0.763
3 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 311.7 1’48.278 0.766 / 0.003
4 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Racing Ducati 314.4 1’48.908 1.396 / 0.630
5 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 302.8 1’49.008 1.496 / 0.100
6 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 305.6 1’49.218 1.706 / 0.210
7 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 309.9 1’49.272 1.760 / 0.054
8 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 307.4 1’49.323 1.811 / 0.051
9 76 Loris BAZ FRA Reale Avintia Racing Ducati 306.3 1’49.630 2.118 / 0.307
10 19 Alvaro BAUTISTA SPA Pull&Bear Aspar Team Ducati 311.7 1’49.724 2.212 / 0.094
11 94 Jonas FOLGER GER Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 305.7 1’49.825 2.313 / 0.101
12 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 307.3 1’50.725 3.213 / 0.900
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×
Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi, riminese e studente in Ingegneria dell'Autoveicolo presso il Politecnico di Torino. Sono un grande appassionato di motori, seguo la MotoGP da anni e adoro scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *