Uno sguardo rapido a quello che è stato il 2016

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

“You hit the ballboy with the racket” pronti via ad Auckland Ostapenko si sfoga su un povero raccattapalle

Demarè e il presunto traino vincente alla Milano-Sanremo

Al secondo appuntamento dell’anno la Ducati getta via una doppietta sul podio per via dell’esuberanza di Andrea Iannone.

Kerber si scopre vincitrice slam.

Sagan raccoglie il testimone di Cancellara, autore dell’ultima commovente sparata sull’Oude Kwaremont-Paterberg.  Qualche settimana dopo numero da circo per restare in piedi sul pavé.

La sorpresa Hayman sorprende la leggenda Boonen nel giorno dell’addio di Cancellara sulle pietre.

VERSTAPPEN RECORD: GP SPAGNA il più giovane vincitore di un GP – 18 anni, 7 mesi e 15 giorni
GP PAESI BASSI il più giovane pilota a qualificarsi in prima fila
GP BRASILE il più giovane pilota a ottenere il giro più veloce

Brilla il Tricolore: Gasparotto trionfa all’Amstel Gold Race

VANDOORNE: GP BAHREIN sostituisce Alonso e conquista il primo punto per la McLaren Honda.

Dopo giusto un paio di mesi ritardo Iannone decide di uscire Lorenzo.

Il primo vero colpo di scena “mondiale” vede protagonista Valentino Rossi, out davanti al suo pubblico per un cedimento al motore. Saranno ben 4 i ritiri del pesarese, mai così tanti dal 1998 quando correva in 250.

Steven Kruiswijk prende la Rosa di prepotenza sulle Dolomiti e sembra imbattibile.

Andrea Iannone riporta la Ducati alla vittoria, a quasi sei anni dall’ultimo trionfo. A Philip Island nel 2010 era Casey Stoner l’uomo in sella alla rossa di Borgo Panigale.

Crollo di Vincenzo Nibali a oltre 5 minuti dalla rosa, sempre finita. Ipotesi ritiro?

RICCIARDO CHEERS: GP GERMANIA, il primo di una lunga serie di cin cin dalla scarpa (come Miller).

Nibali riapre il Giro vincendo una entusiasmante tappa a Risoul costringendo alla caduta di Kruiswijk in discesa dall’Agnello.

A Misano si conclude la striscia di nove vincitori differenti nella classe regina, un record. L’ultimo è Daniel Pedrosa, che compie una rimonta insperata ai danni del nove volte campione del mondo.

Nibali attacca Chaves e prende la Rosa: è il Re del Giro.

Novak Djokovic trionfa al Roland Garros e detiene tutti e 4 i titoli dello Slam nell’arco degli ultimi 12 mesi.

Nibali crolla nella tappa di Le Loiran, al Tour, e abbadona i sogni di doppietta.

A Motegi, la prima del “trittico”, Marc Marquez si laurea campione del mondo, complice l’auto eliminazione delle due Yamaha. Per lo spagnolo si tratta del quinto titolo in carriera.

Barzelletta al Tour: cade il gonfiabile dell’ultimo km che centra in pieno Adam Yates.

“You are the worst umpire ever”, a Wimbledon, su un overrule, Troicki fa passare Fognini per un baronetto.

Paolo Lorenzi è il nuovo numero uno del tennis italiano, strameritato.

Monica puig regala il primo oro olimpico della storia al suo Portorico.

Andy Murray si conferma campione Olimpico il mese dopo aver vinto sempre per la seconda volta Wimbledon.

Comico Mont Ventoux: prima il dimezzamento della salita finale e poi…Froome a piedi!

FERRARI OPACHE: auto poco performanti e strategie spesso sbagliate (= GP STATI UNITI)

Froome cade, Quintana si aiuta senza dare troppo nell’occhio…

Vincenzo Nibali lascia l’Astana per il progetto del Bahrein Merida.

Nibali e Italia perfetti a Rio, ma quella curva criminale spegne i sogni di Oro che va a Van Avermaet.

Finalmente Quintana all’attacco sulle strade spagnole, Roja conquistata e grandi duelli con Froome.

Lucas Pouille meraviglia sconfiggendo Nadal. In quello che forse è il match dell’anno.

Tappa epica ad Aramon Formigal: Brambilla straordinario vincitore, ma Quintana ipoteca la Vuelta sorprendendo Froome con l’aiuto di Contador.

Federer e Nadal sono entrambi clamorosamente fuori dai primi 4, fine dei Fab4?

Chaves rompe l’incantesimo europeo del Lombardia davanti ad un immenso Diego Rosa.

MASSA SI RITIRA (poi ritira il ritiro): GP BRASILE il saluto al suo pubblico.

Fantastico bis mondiale di Peter Sagan nel deserto, aggiunge anche il titolo di campione europeo.

Andy Murray vince il Masters ed è definitivamente il nuovo numero uno del mondo di tennis.

L’anno di Delpo, l’anno del ritorno definitivo, argento olimpico e Coppa Davis vinta da protagonista, il quarto punto contro Cilic della finale è già storia.

ROSBERG CAMPIONE: GP ABU DHABI, poi improvvisamente il ritiro.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *